“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti e io non dissi niente perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare”. (Bertolt Brecht)

sabato 12 luglio 2008

CAMILLERI CINQUE POESIE "INCIVILI"dedicate a Berlusconi e il suo governo.

Un grande a Piazza Navona

Dal Palco di Piazza Navona Andrea Camilleri recita le sue
Cinque Poesie Incivili.
Eccole

I poesia “incivile”
Ai monomaniaci
Basta appena un fugace pretesto
per sprofondare nel loro delirio particolare,nella loro ossessione devastante.Le sue parole scatenanti sono: Giustizia e Giudici.
A sentirle, la sua trasformazione è immediata:
il sorriso gli si muta in un ghigno,
dalla faccia gli cade la maschera variopinta, e sotto,appare una tavola di Cesare Lombroso.

II poesia “incivile”

Onde ridurre, ulteriormente, le spese il Ministro della Giustizia ordina che, solo per lui,
la prescrizione sia preventiva e pregressa ancor prima che i processi siano prefissati a ruolo e pertanto i PM che li iscrissero nel registro degli indagati
siano pregiudizialmente mandati in proscrizione per favore,
attenti agli errori di stampa!

III poesia “incivile”

Ha più scheletri dentro l’armadio lui che la cripta dei Cappuccini a Palermo.
Ogni tanto, di notte, quando passa il tram le ossa vibrano leggermente,
e a quel suono gli si rizzano i capelli sintetici.
Teme che le ante dell’armadio si aprano,
che torme, non di fantasmi, ma di giudici in toga balzino fuori
agitando come nacchere scintillanti manette
.

IV poesia “incivile”


Non importa che abbia avuto due mogli e che le sgualdrinelle confortino le sue notti;
non importa che la sua morale abbia più buchi di un colabrodo;
non importa che abbia corrotto, falsificato i bilanci, giurato il falso, prevaricato,
adottando la menzogna come stile di vita.
Non importa.
Sia ricevuto in Vaticano con tutti gli onori.
Pecunia, antica saggezza, non olet.

V poesia “incivile”

”Si prendano subito le impronte digitali dei bambini Rom!”,
ordina un paio di baffi sul nulla. E i baffi giurano che non è razzismo, ma solo umana pietà verso i bimbi costretti a mendicare.
Che cuore, che generosità.
E mi tornano a mente i versi di un grandissimo:
” Sei così ipocrita che quando l’ipocrisia ti avrà ucciso sarai all’inferno ma ti dirai in paradiso.”


IL GOVERNO E IL PARLAMENTO (pdl+lega) SI VERGOGNI

Dopo l'approvazione alla Camera del becero lodo Alfano (in effetti lodo Ghedini)e il parziale ritiro della vergognosa norma blocca processi le poesie del grande
Camilleri sono più veritiere che mai.
LODO SCHIFO-ALFANO(GHEDINI)
NORMA BLOCCA.PROCESSI anche modificata(gatta ci covava)
LEGGI AD PERSONAM PRO-BERLUSCONI
ABUSO ISTITUZIONALE PER NON FARSI PROCESSARE
V E R G O G N A !!!!

10 commenti:

Elia Pirone ha detto...

Dimentica l'MPA... eh, a parte gli scherzi, io diffiderei da queste trovate radical-chic di Camilleri, gente con la sindrome dei migliori...

Sa, Miryam, se fossi nell'opposizione che poesia dedicherei a Berlusconi? Quella del silenzio, perchè se questo provvedimento è stato approvato si deve alla pressione demagogico-populista dei dipietristi.

Buonasera.

Miryam ha detto...

Mi spiega, Elia, quale sarebbe stata questa pressione populista dipietista?
Forse la fermezza nel ribellarsi a queste leggi vergogna?
Non tiri fuori le "comiche"di Piazza Navona, quelle appunto erano comiche satiro/politiche poi Berlusconi stava andando avanti già da parecchi giorni, praticamente appena insediatosi al governo si è messo al lavoro , ma non per gli italiani, per se stesso, il che è ben diverso di quello che aveva fatto intendere ai cittadini in campagna elettorale.
Il silenzio per Berlusconi dice?
E' quello che vorrebbe. Poi con un pò di informazioni "sballate"ma sapientemente orientate il suo gioco sarebbe fatto, come già successo altre volte, anche di recente.
Sa, io non capisco la gente di destra, se credono che questa è destra credo che sino completamente fuori "binario".
Ma forse a molti italiani piace la demagogia oltre che essere presi per i fondelli!
Buona serata a lei.

Elia Pirone ha detto...

Umh... raccolgo la sua provocazione e le rispondo "pacatamente e serenamente" (a mo' di Veltroni...) come è giusto che sia.

Evidentemente noi due abbiamo un senso dell'umorismo diverso, perchè quelle che per lei sono comiche satiro-politiche, per me sono insulti.

Silenzio, perchè se prima Berlusconi era (ed è) nel torto ad approvare queste leggi, ora è "moralmente" legittimato perchè Di Pietro ha avuto la stupidissima idea di far sapere agli italiani che lui vuole la testa del premier, mentre invece avrebbe dovuto fare un'opposizione più costruttiva, stile PD che si è dissociato da Piazza Navona (a proposito, non capisco come lei possa avere nel suo blog sia il logo del PD e quello dell'IDV...)

Io non credo che questa sia destra, ma un ibrido che non mi rappresenta. Ma se dovessi scegliere tra Berlusconi e un governo di sinistra radicale (che ora si incarna in Di Pietro), scelgo Berlusconi.

Stia bene.

Miryam ha detto...

"Insulti comici" Elia, quanti ne sono stati fatti sia a destra che a sinistra?
Non cerchiamo di coprire la "trave" utilizzando la "pagliuzza". Non giova al Paese, mi creda.
L' opposizione che vorrei è quella che si evince dal post.
Per me non ci può essere dialogo con chi fa un uso personale della giustizia.
Mi faccia capire lei ritiene che Di Pietro rappresenti la sinistra cosiddetta radicale? E su quali basi?Solo perchè si è ribellata vigorosamente all'ennesimo sopruso berlusconiano? La sinistra è altro da Di Pietro, oggi c'è solo la condivisione sulla richiesta di legalità, non si va oltre.
I loghi erano lì a rappresentare il polo avverso al polo berlusconiano, li ho eliminati e la spiegazione è contenuta nel post.
Se io dovessi scegliere tra Berlusconi e un governo di destra pura che ora non si incarna in nessuno(se guardiamo ad es. alle destre negli altri paesi, tipo quella francese , sceglierei l'astensione, senza alcun dubbio.
Saluti

Marco Iannello ha detto...

Anche perchè, se mi permettete, Di Pietro non mi sembra un uomo di sinistra. In questo momento viene additato come persona di sinistra solo perchè è l'unico ad opporsi veramente alle leggi vergogna di Berlusconi. E' sempre così, tramite le sue tv Mr.B ha convinto la gente che chiunque parla di lui, del conflitto di interessi, delle leggi ad personam ecc, è un comunista e un uomo che vuole distruggere l'immagine del Cavaliere. Io a un uomo così non opporrei mai soltanto il silenzio, ma farei esattamente quello che ha fatto Di Pietro in Parlamento e a Piazza Navona. E per ultimo vorrei aggiungere che la manifestazione di Piazza Navona non ha rafforzato Berlusconi, tutt'altro. Secondo un sondaggio di un importante quotidiano (non ricordo se Corriere o Repubblica)una buona parte di elettori leghisti, pidiellini e pidini hanno espresso parere favorevole alla manifestazione dell'8 Luglio. Bisogna anche tener conto che queste persone, e tutte le altre, hanno ricevuto pure informazioni distorte dalle tv e dai giornali, che hanno estrapolato delle frasi dette dai relatori per rigirarle a proprio piacimento. Con un informazione veramente libera forse sarebbero molti di più i sostenitori dell'8 Luglio.

Miryam ha detto...

x tomas
Ok! Tomas rispetto la tua volontà, mi puoi postare la tua e-mail, così ti spiego direttamente.
Hai notato come il "manicomio" di affari italiani in questi giorni è particolarmente su di giri, parlo dei berlusconiani ovviamente, ma come si fa ad essere così saturi e omologati, proprio non me lo spiego se non attraverso la manipolazione dell'informazione dei media diretti dai servi del padrone.
Ciao, a domani.

Miryam ha detto...

Concordo Marco, su tutta la tua linea, anzi ti dirò di più , io credo che, con un'informazione libera e onesta, il Cavaliere, forse non avrebbe vinto le elezioni o magari non avrebbe avuto una maggioranza quasi bulgara.
Ma quest'anomalia è anche colpa della sinistra, che non sa comunicare, non riesce ad organizzarsi per bene su contenuti e programmi, è andata al governo e, non solo non ha cancellato nessuna delle leggi vergogna pro.berlusca, ma non ha neanche tentato di risolvere la questione del conflitto di interessi.
Purtroppo credo che una seria riflessione sul da farsi, la sinistra, soprattutto il PD che ha avuto la maggioranza dei consensi del popolo di centrosinistra, dovrebbe farla anche per cercare di non disperdere i voti, come sta facendo con questa storia del dialogo.
Una volta che il Cavaliere ha gettato la maschera quasi subito, facendosi di fatto 4 o 5 leggi ad personam, non c'è dialogo che tenga.
Speriamo che lo capiscano, e non si facciano irretire dall'udc, sarei la prima a non votarli, in caso di accordo,Cuffaro docet, come es. principale.
Vedremo gli ulteriori sviluppi.
A proposito Marco , hai firmato le petizioni?
Ciao

Marco Iannello ha detto...

Si, firmo tutte le petizioni che mi capitano a tiro.
Comunque penso che il problema principale del Pd sia la corrente più forte al suo interno, i Ds di Massimo D'Alema. Secondo me, dietro questo finto dialogo c'e' lui, che non è nuovo a questi regali a Berlusconi. Lo ha già fatto con la bicamerale, con la proroga a Rete4 e andando in giro a dire che Mediaset è un patrimonio culturale del Paese. Il Pd ha bisogno di tagliare fuori gente come lui, abituata all'inciucio e ai compromessi con quell'abominio politico che è Berlusconi.
Ciao

Miryam ha detto...

Certo Marco, da questi politici c'è da aspettarsi di tutto.
In D'Alema apprezzo la compostezza e il linguaggio, ma certamente ha commesso anch'egli degli errori, non voglio pensare che remi contro volutamente altrimenti dovrei pensare che ormai non c'è più nulla da fare.......
Teniamoci in contatto Marco, coinvolgiamo altri blogger a cui non sta bene l'opposizione morbida del PD e, magari gli inondiamo le caselle di posta sui siti del parlamento, dovranno pur rendersi conto.....Ciao

Marco Iannello ha detto...

Ok, sono perfettamente d'accordo. Io comincio postando un articolo su D'Alema e poi continuerò a frequentare il tuo blog. Vediamo un po' cosa ne pensano i visitatori riguardo la finta opposizione del Pd.
Ciao miryam

"L'uomo è uomo quando non è testardo. Quando capisce che deve fare marcia indietro e la fa. Quando riconosce un errore commesso, se ne assume le responsabilità, paga le conseguenze e chiede scusa. Quando riconosce la superiorità di un altro uomo e glielo dice. Quando amministra e valorizza nella stessa misura tanto il suo coraggio quanto la sua paura." (da "Il Sindaco del Rione Sanità" Eduardo De Filippo)

Un pò di cambiamenti

Curando un altro blog di politica "La sinistra che Vogliamo " insieme ad un gruppo di amici blogger,questo blog è in effetti una "fotocopia" dell'altro.Per tale motivo ho deciso di apportare alcuni cambiamenti soprattutto nei contenuti.
La politica analizzata criticamente,secondo il mio punto di vista, sarà sempre presente ma,accanto ad essa cercherò di discutere anche di altre tematiche che riguarderanno la società e l'individuo,il pensiero speculativo antico e moderno,i problemi del nostro tempo che possono anche travalicare il campo della politica come "fatto" in se.
Spero di essere compresa da chi mi legge
B L O G I N
R I S T R U T T U R A Z I O N E

VASCO ROSSI _BASTA POCO_