“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti e io non dissi niente perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare”. (Bertolt Brecht)

martedì 12 agosto 2008

L’affondo di Famiglia Cristiana “UN PAESE DA MARCIAPIEDE”


Attenzione alle 'guerre tra poveri' nel 'paese marciapiede' con il 'premier spazzino'. E' l'attacco di Famiglia Cristiana sul tema sicurezza. In un editoriale, il settimanale dei Paolini parla dei militari in strada ('neanche fossimo in Angola'), dei sindaci sceriffi (luci e ombre), delle norme anti-elemosina. ''A Roma il sindaco Alemanno caccia i poveri in giacca e cravatta anche dai cassonetti e dagli avanzi dei supermercati. Li chiamano scarti, ma li' si trovano frutta e verdura che non sono belli da esporre sui banchi di vendita. E allora se vogliamo salvare l'estetica, perché non facciamo il ''banco delle occasioni'', coprendo con un gesto di pietà (anche qui ''estetico''), un rito che fa male alle coscienze? Nei centri Ikea lo si fa, e nessuno si scandalizza'', si legge su Famiglia Cristiana. Ed e' polemica. Tutte misure 'finalizzate alla lotta contro il racket' e non contro i poveri, precisa il sindaco di Roma Alemanno
Fonte it.notizie.yahoo.com/asca/20080811/tpl-sicurezza-famiglia-cristiana-un-paes-1204c2b.html.

E’ una novità , non ho mai sentito che le organizzazioni criminali mandino i disgraziati a rovistare nei cassonetti e negli avanzi dei supermercati. Non cerchi Alemanno delle scuse,per giunta stupitissime.

Viviamo in un ''Paese da marciapiede'', che offre segni di disagio in abbondanza ma che la politica nasconde, sviando l'attenzione con le immagini del ''presidente spazzino'', l'inutile ''gioco dei soldatini'' nelle città, i finti problemi della sicurezza. “Neanche fossimo in Angola” - scrive Famiglia Cristiana a proposito dei militari in strada.
Così Famiglia Cristiana nell'editoriale che uscirà con il numero 33, in edicola dal 13 agosto. Il settimanale invita il governo a ''non scaricare sugli altri le sue responsabilità, come con l'uscita tardiva e improvvida (colpo di sole d'agosto?) della Meloni e di Gasparri, che hanno chiesto ai nostri olimpionici di non sfilare per protesta contro la Cina. Il gesto forte, se sono capaci, lo facciano loro, i soliti politici furbetti che vogliono occupare sempre la scena senza pagare pegno''. ''Piuttosto, e' ora che il governo prenda in considerazione i veri problemi del Paese, che a fronte di un Pil a zero, mostra imprese che godono di salute strepitosa. La ricchezza c'e', ma per le famiglie e' solo un miraggio. E' troppo chiedere al governo - conclude l'editoriale - di fugare il sospetto che quando governa la destra la forbice si allarga, cosi' che i ricchi si impinguano e le famiglie si impoveriscono?''.
Osservazioni sulla sicurezza vengono anche dal Vaticano: "E' la povertà che bisogna eliminare e non chi è costretto dalla povertà a sopravvivere" ha detto il cardinale Renato Raffaele Martino, presidente del Pontificio consiglio Giustizia e pace, commentando a Radio Vaticana le misure anti-accattonaggio adottate da diverse amministrazioni comunali.
I paolini certamente non sono dei bolscevichi ma il governo, non trova altre strade se non la solita del comunismo, (si avete capito bene, anche i paolini ora sono Komunisti) e risponde per bocca di due o tre ” intelligentoni”che sono tutto un enigma da decifrare Bertolini , Rotondi e Gasparri .
La Bertolini da una risposta demenziale nel suo solito stile : “I paolini sono vittime di un colpo di calore” e ancora ,"l’astio di Famiglia Cristiana per il governo - insiste - è così grande da fare andare fuori bersaglio tutte le accuse". Avete per caso compreso cosa ha voluto dire?

Rotondi: "Famiglia Cristiana sceglie un linguaggio da 'Borghese' di Gianna Preda dentro una linea politica da 'Espresso', ma sarebbe meglio un linguaggio cristiano se non democristiano". Avete per caso compreso cosa ha voluto dire?
Gasparri non si smentisce, ha dichiarato che Famiglia Cristiana è "criptocomunista": "Il settimanale è cristiano solo di nome". Si comprende che sono in difficoltà e non hanno altri pretesti cui aggrapparsi ………..

.........meglio criptocomunisti che criptoidioti.
Qualsiasi riferimento al criptoidiota è assolutamente intenzionale.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Oramai si stanno rendendo conto tutti cosa sta combinando questo governo di incapaci e corrotti.
Anche la Chiesa,nonostante gli si mantengano gli enormi priviliegi, non può sottacere lo scempio sociale che si vede e si tocca dappertutto.
Povera italia! Che schifo

Elia Pirone ha detto...

Poveracci quelli di Famiglia Cristiana, vogliono fare gli anticonformisti di comodo...

Calogero Parlapiano ha detto...

essere cattolico-cristiano non significa aver gli occhi bendati, nè essere asserviti al regime di potere..qualunque sia la nostra religione non ci impedisce di esprimerla: evidentemente però la fonte è autorevole e la risonanza è maggiore.
ps: BUON FERRAGOSTO Miryam e grazie sempre per le tue parole.

Carlo ha detto...

Io credo che, come ha detto un cardinale, questo governo faccia tutto questo per nascondere la povertà,la vedo proprio male per gli italiani medi, figuriamoci per quelli con un basso reddito.
Ciao

maryna ha detto...

Chi l'avrebbe mai detto che un giorno sarei stata d'accordo con i paolini di Famiglia Cristiana?
D'atra parte se predicano la carità,le opere pie non possono appoggiare....ahi..ahi...questo governo fascista e razzista.
Che mi fanno schifo è dire poco

alfa ha detto...

Quello che mi fa ridere è che la destra fin quando ha determinate figure dalla propria parte le osanna, quando invece queste figure iniziano ad aprire gli occhi e a far notare alla destra determinate cose che sta sbagliando, quelli della destra, non avendo nulla da rispondere, se ne escono con frasette tristi quanto inutili sull'ideologia. Il mio riferimento a "criptocomunisti" non è casuale, lo ammetto.

P.S. Attenta a Gasparri, eh. Se gli dai dell'idiota potrebbe offendersi e farti causa come ha fatto con la Oppo (giornalista dell'Unità) per avergli dato del cretino. :-)

"L'uomo è uomo quando non è testardo. Quando capisce che deve fare marcia indietro e la fa. Quando riconosce un errore commesso, se ne assume le responsabilità, paga le conseguenze e chiede scusa. Quando riconosce la superiorità di un altro uomo e glielo dice. Quando amministra e valorizza nella stessa misura tanto il suo coraggio quanto la sua paura." (da "Il Sindaco del Rione Sanità" Eduardo De Filippo)

Un pò di cambiamenti

Curando un altro blog di politica "La sinistra che Vogliamo " insieme ad un gruppo di amici blogger,questo blog è in effetti una "fotocopia" dell'altro.Per tale motivo ho deciso di apportare alcuni cambiamenti soprattutto nei contenuti.
La politica analizzata criticamente,secondo il mio punto di vista, sarà sempre presente ma,accanto ad essa cercherò di discutere anche di altre tematiche che riguarderanno la società e l'individuo,il pensiero speculativo antico e moderno,i problemi del nostro tempo che possono anche travalicare il campo della politica come "fatto" in se.
Spero di essere compresa da chi mi legge
B L O G I N
R I S T R U T T U R A Z I O N E

VASCO ROSSI _BASTA POCO_