“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti e io non dissi niente perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare”. (Bertolt Brecht)

sabato 11 aprile 2009

Eventi davvero STRANISSIMI.....

Se poi lo correliamo con quest'altra notizia... le perplessità aumentano... a voi la riflessione.......




4 commenti:

Anonimo ha detto...

ma quante ne dite, ma siamo tutti impazziti?

Anna ha detto...

Ciao carissima Myriam,
sai hai proprio ragione: chi ha aperto gli occhi su quanto ci circonda non ha una vita molto serena, la rabbia e il senso d'impotenza sono sempre lì, dietro l'angolo, ma nonostante tutto vale sempre la pena vivere tutto questo per amore della libertà, della giustizia, della verità.
Nel cuore dell'Abruzzo delle persone innocenti hanno perso la vita per colpa di un sistema che ha lucrato su tutti noi, sulle nostre vite e sulla nostra salute e che nonostante tutto si sarebbero ancora potute salvare se non fosse per il fatto che abbiamo una protezione civile che non serve a nulla se non come al solito...dopo! In Italia viviamo tutte le condizioni con la parola magica del dopo...non esiste prevenzione, non esiste una cultura del rispetto del territorio, della salute, della gente...esiste solo il dio denaro e il disprezzo delle vite degli altri.
Non credo che le cose cambieranno, forse i politici faranno veramente qualcosa per gli Abruzzesi, forse toccati da questa tragedia e dalla vista di queste bare infinite poste in fila davanti alla caserma della guardia di finanza durante i funerali, ma sarà solo una parantesi e tutto riprenderà come prima se non peggio di prima.
Non cambierà nulla, tutti riprenderanno i loro posti nella nostra società: i politici, i palazzinari, le mafie, la massonieria, la nuova P2, il vaticano, gli operai che continueranno a morire nei cantieri nell'indifferenza di tutti e le case che continueranno ancora a cadere in qualche altra parte d'Italia.
Eppure un giorno le cose cambieranno, ne sono convinta e un giorno il nostro paese diventerà un grande paese e come te voglio gridare anch'io:
W L'ITALIA!!! W L'ABRUZZO!!!
Ciao carissima Miryam, tanti cari Auguri di Buona Pasqua anche a te.
Con simpatia
Anna

Miryam ha detto...

Grazie Anna, per la speranza che infondi....
Ti stimo!

Miryam ha detto...

@anonimo
Io non dico proprio niente... mi documento e cerco di divulgare le notizie che trovo e che non sentiremo mai alla tv... dei padroni....
poi ognuno di noi può trarne le riflessioni che vuole...
Pazzi saremmo a credere solo quello che ci vogliono far credere......Ciao!

"L'uomo è uomo quando non è testardo. Quando capisce che deve fare marcia indietro e la fa. Quando riconosce un errore commesso, se ne assume le responsabilità, paga le conseguenze e chiede scusa. Quando riconosce la superiorità di un altro uomo e glielo dice. Quando amministra e valorizza nella stessa misura tanto il suo coraggio quanto la sua paura." (da "Il Sindaco del Rione Sanità" Eduardo De Filippo)

Un pò di cambiamenti

Curando un altro blog di politica "La sinistra che Vogliamo " insieme ad un gruppo di amici blogger,questo blog è in effetti una "fotocopia" dell'altro.Per tale motivo ho deciso di apportare alcuni cambiamenti soprattutto nei contenuti.
La politica analizzata criticamente,secondo il mio punto di vista, sarà sempre presente ma,accanto ad essa cercherò di discutere anche di altre tematiche che riguarderanno la società e l'individuo,il pensiero speculativo antico e moderno,i problemi del nostro tempo che possono anche travalicare il campo della politica come "fatto" in se.
Spero di essere compresa da chi mi legge
B L O G I N
R I S T R U T T U R A Z I O N E

VASCO ROSSI _BASTA POCO_