“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti e io non dissi niente perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare”. (Bertolt Brecht)

domenica 8 giugno 2008

TUTTI INSIEME CON BARACK OBAMA







"What I Am. Yes We Can". Eccolo là il grido di battaglia rassicurante e coraggioso di Obama
Quel grido con la sua musicalità e con la musica che ha accompagnato il primo afroamericano a candidarsi alle primarie per la Casa Bianca e lo ha spinto su fino alla vittoria. Fino a scavalcare l'invincibile predestinata Hillary. E sin dalla prima piccolissima tappa dell'Iowa.
OBAMA VINCERÀ LE PRESIDENZIALI E CAMBIERÀ IL VOLTO DELL’AMERICA. Questa ora sarà la nuova sfida e la speranza di tutti coloro che non hanno condiviso la politica guerrafondaia del texano Bush.
Bush ha portato l’America sull’orlo del baratro. Con le sue bugie, le sue sanguinarie ambizioni ha ridotto la più grande democrazia occidentale ad una sorta di mascherata dittatura. Quante vite umane sono perite? Quanto sangue versato?Da giovani americani, da uomini, donne e bambini iracheni? Quanta gente è rimasta mutilata?
Dove erano le armi di distruzione di massa tanto invocate da Bush?
Fuori i repubblicani guerrafondai. Bush è stato il peggior presidente dalla conclusione della guerra del Vietnam.
Ha portato l’economia americana ai minimi storici, ha aumentato le disuguaglianze , ha lasciato moltissimi problemi aperti ed irrisolti.
Per questo Barack Obama è la nuova speranza. Porterà una raggio di sole dopo la tempesta, con le sue idee, la sua politica, la sua identità
Barack Obama, candidato democratico alla presidenza bollato il senatore più "liberal" del Congresso secondo il National Journal , rivista conservatrice di Washington.

"Liberal" è diventato una sorta di insulto nel gergo politico della capitale ma Obama, anziché scrollarselo di dosso lo difende. "Se essere di sinistra vuol dire togliere la politica dalle mani degli interessi forti, allora è una cosa di buon senso. Se è di sinistra volere riportare a casa i nostri soldati dall'Iraq o pretendere che i veterani siano trattati come si deve, allora...".
"Essere di sinistra vuol dire volere dare a tutti l'assistenza medica? Spendiamo in sanità già oggi più di qualsiasi paese. Non lasciateli pensare al vostro posto".
"Obama trasmette leadership. E usa il linguaggio umano della politica. Per lui prima vengono le emozioni, poi il calcolo" dicono di lui gli amici.

Agli amici sparsi per il mondo, dall'Europa, all'Africa all'Asia, lo staff di Barack Obama ha mandato una mail subito dopo la vittoria nelle primarie democratiche: "È un grande momento, ma vi raccomandiamo il low profile. Ci sono ancora partite molto delicate da vincere".
E speriamo che la partita si vinca davvero.
YOU CAN DO…........ YOU CAN CHANGE

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Miriam,
in fretta, perchè c'è la partita, ti racconto l'ultima scenetta a cui ho assistito questa mattina.
Ero in uno studio medico e accanto a me erano sedute due vecchiette che discutevano di politica.
Una dice all'altra:" Hai visto chi è venuto ieri in Itlia ed è stato accolto a braccia aperte? Bush! Non si vergogna questo signore ad andare in giro per il mondo dopo tutti i disastri che ha provocato con la guerra in Iraq. Immagina, un barile di petrolio che prima della guerra costava 20 dollari, ora costa 140.
Ed ancora ha il coraggio di mettere la testa fuori il portone di casa! Si dovrebbe vergognare."
La gente comune ragiona meglio di coloro che si interessano di politica!
Ciao.-

Miryam ha detto...

E’ vero, la gente comune spesso fa deduzioni molto più ragionevoli dei politici.
Bush è un uomo finito, che ha messo in ginocchio l’economia mondiale con le sue assurde guerre, cosa è venuto a fare in Italia?
Ieri mattina con i miei colleghi discutevamo proprio di questo, commentando il prezzo della benzina alle stelle, e facevamo una riflessione sulle tre BBB(Bush-Blair- Berlusconi) e su come, da quando, a vicende alterne, sono saliti al potere e hanno sconquassato gli equilibri.
Non capisco il vaticano in tutto questo, o meglio c’è la conferma di quanto il clero faccia politica nascondendosi dietro la religione. Ratzinger ha ricevuto con tutti gli onori colui che e il responsabile principale di una guerra inutile, che oltre alla strage degli innocenti, ha portato il greggio alle stelle contribuendo all’impoverimento e recessione economica. Mentre con l’altro pazzo iraniano ha rifiutato di riceverlo. Non credi che abbia sbagliato? In qualità di pastore della Chiesa e uomo di fede(?)non avrebbe dovuto riceverlo , come ha fatto con bush, e iniziare un dialogo, visto che A l’aveva richiesto?
Ci troviamo ,purtroppo, in una giungla, dove l’uomo per la brama di potere “divora” i suoi simili.
Bisogna solo sperare che questa brutta congiuntura passi e che, con l’elezione di Obama, (me lo auguro)gli USA ritornino a riappropriarsi della democrazia e che si usino le armi solo in caso di vera necessità e non con le bugie e gli inganni. Ma lo sappiamo tutti che bush è un "petroliere" quindi possiamo anche capire le vere motivazioni della sua sporca guerra ....Ciao

"L'uomo è uomo quando non è testardo. Quando capisce che deve fare marcia indietro e la fa. Quando riconosce un errore commesso, se ne assume le responsabilità, paga le conseguenze e chiede scusa. Quando riconosce la superiorità di un altro uomo e glielo dice. Quando amministra e valorizza nella stessa misura tanto il suo coraggio quanto la sua paura." (da "Il Sindaco del Rione Sanità" Eduardo De Filippo)

Un pò di cambiamenti

Curando un altro blog di politica "La sinistra che Vogliamo " insieme ad un gruppo di amici blogger,questo blog è in effetti una "fotocopia" dell'altro.Per tale motivo ho deciso di apportare alcuni cambiamenti soprattutto nei contenuti.
La politica analizzata criticamente,secondo il mio punto di vista, sarà sempre presente ma,accanto ad essa cercherò di discutere anche di altre tematiche che riguarderanno la società e l'individuo,il pensiero speculativo antico e moderno,i problemi del nostro tempo che possono anche travalicare il campo della politica come "fatto" in se.
Spero di essere compresa da chi mi legge
B L O G I N
R I S T R U T T U R A Z I O N E

VASCO ROSSI _BASTA POCO_