“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti e io non dissi niente perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare”. (Bertolt Brecht)

lunedì 30 giugno 2008

OMINICCHI E QUAQUARAQUA'


Per risolvere il problema dei rifiuti, che coinvolge la regione campana da lungo tempo, il governo, oltre che a prevedere la costruzione di nuovi siti per l'eliminazione dei rifiuti, ha chiesto un sostegno alle altre regioni italiane.

Era qunto richiesto appena sei mesi fà dal premier Prodi, ma allora vi fu un quasi coro di no, specie dalla Lombardia e dal Veneto.

ORA LA MUSICA E' CAMBIATA, chissà come mai oggi vi è apertura. Miracolo italiano.
Ha manifestato la propria disponibilità nell'accogliere i rifiuti campani, Roberto Formigoni, presidente della regione Lombardia, e Letizia Moratti, il sindaco di Milano.Il presidente della regione Lombardia ha affermato che si collaborerà per lo smaltimento di "circa 6 mila tonnellate di rifiuti della Campania."E udite, udite.....

«Ora Bossi e il Consiglio dei Ministri riconoscono che nulla costa né tecnicamente, né ambientalmente a che le regioni italiane smaltiscono i rifiuti della Campania .

Ovviamente il partito del No in Lombardia ubbidirà al suo comandante.E questi al suo padrone.Che vergogna! Se ciò fosse accaduto, come si chiedeva, sei mesi fa, i cittadini campani avrebbero in parte risparmiato una colossale emergenza sanitaria e l’Italia intera una delle più brutte figure a livello internazionale degli ultimi decenni».

Riporto alcune cronache di pochi mesi fa, ad esempio di come i leghisti hanno pesantemente remato contro il precedente governo che chiedeva solidarietà per aiutare a risolvere l'emergenza rifiuti in Campania. Riporto fatti accaduti alla regione Liguria, ove il presidente Burlando voleva assumersi un carico di responsabilità a differenza di Lombardia e Veneto, che avevano detto categoricamente di no, regioni, è bene ricordarlo, dalle quali sono provenuti carichi di rifiuti tossici, da dove i "civili"e "onesti" imprenditori hanno fatto affari con la camorra per risparmiare sul ciclo dello smaltimento legale dei rifiuti tossici.

15 gennaio 2008
Rifiuti, no grazie. Il presidente del consiglio Romano Prodi chiede un gesto di solidarietà. Il commissario straordinario per l’emergenza rifiuti Gianni De Gennaro cerca di imporre una linea autoritaria. Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando rilancia l’invito alla solidarietà nei confronti della Campania «ma anche di quelle Regioni che si fanno carico più di altre dei rifiuti napoletani, come l’Abruzzo che ne smaltisce 15 mila tonnellate».

Ma sulla questione rifiuti l’opposizione continua a fare catenaccio. La Lega Nord annuncia oggi una manifestazione di protesta in piazza De Ferrari invitando i cittadini a portare sacchetti di spazzatura al presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, «per aver dato l’assenso ad accogliere i rifiuti campani».

Umberto Bossi , seguito dagli : Non un sacchetto di immondizia dalla Campania.

Poi la "svolta"solidale di questi giorni.......
"Berlusconi poi ha fatto i miracoli. Stava a Napoli due giorni alla settimana. Lo vedevo che partiva dopo il consiglio dei Ministri. Adesso il problema è quasi risolto. Ha fatto riaprire i termo valorizzatori che quei pazzi di magistrati avevano chiuso. Io ho detto che la decisione se accogliere i rifiuti sarebbe stata presa dalle Regioni. Voglio vedere cosa faranno le Regioni della sinistra. La sinistra sa che se risolviamo il problema dei rifiuti loro non prendono più un voto. Adesso ne è rimasta una piccola quantità qualche carrettata... Al Nord cosa gliene frega di un sacco di rifiuti e basta".
I miracoli non ci sono, le strade sono sommerse, specie nelle periferie, se qualcosa si è mosso è stato il normale deflusso dei lavori e dei provvedimenti di De Gennaro....... sui termovalorizzatori era già stato avviato il completamento dal governo Prodi...... e qualcuno a Napoli è venuto a fare :
' O VALL 'NCOPP ' A MUNNEZZA.........
Ecco questi ominicchi e quaquaraqà, non agiscono per il bene comune, ma solo per i voti, perchè devono poter fare i loro "luridi e porci comodi .

Alla faccia della coerenza.

Walter Veltroni, il segretario del Pd, ha replicato all'azione del Governo, attaccandolo duramente e affermando che "i rifiuti sono un mezzo di propaganda quando governano gli altri, ma quando governano loro (Pdl) sono un'emergenza."

Ha rincarato la dose il Presidente della regione Sardegna con un uscita che dovrebbe essere un monito ed una lezione per questi ominicchi e quaquaraquà , infatti darà l'appoggio al Governo anche stavolta, come già aveva fatto in precedenza, ed era stato avversato da quelli che oggi ,chissà perchè, si sono aperti. L'esponente della giunta, Renato Soru, ha dichiarato che "la solidarietà non può essere data a seconda del colore politico di chi la richiede. E la Sardegna è stata coerente in questo senso, accogliendo una quota di rifiuti della Campania, come le era stato chiesto mesi fa dal Governo Prodi e di recente dal Governo Berlusconi." Renaro Soru ha agito per il bene comune non per un becero calcolo politico e scambio di favori.
Questi sono uomini, degli altri non si può, purtroppo, dire lo stesso.

......"...l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà... Pochissimi gli uomini; i mezz'uomini pochi, ché mi contenterei l'umanità si fermasse ai mezz'uomini... E invece no, scende ancora più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi... E ancora più in giù: i piglianculo, che vanno diventando un esercito... E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre....
(da Il giorno della civetta, L.Sciascia)




6 commenti:

Francesco ha detto...

Hai scritto un ottimo pezzo,chiaro e diretto.
Completamente d'accordo.....

tomas ha detto...

ciao miriam, come sempre un pezzo dal quale non si può dissentire. PS appena ho sentito formigoni che dava la disponibilità per 6000 tonnellate di spazzatura da portare a brescia l'ho mandato a c......e!!!! cos'altro potevo dire.

Miryam ha detto...

x francesco
Ciao Francesco.....sempre in gamba.
Mi raccomando PASSAPAROLA.....Ciao

Miryam ha detto...

Ciao Tomas, purtroppo ci troviamo a fronte di gente che pensa solo a come rimanere attaccata alla poltrona. E ad un premier che usa le istituioni per scopi personali.
La gente del nord dovrebbe chiedersi perchè prima ,sui rifiuti, si è detto di no con autorità rifiutando di essere solidali, ora invece si dice si.
Che vergognoso omportamento.....
Anche il problema rifiuti è stato sfruttato come l'allarme sicurezza. Ciao , alla prossima.

E.P. ha detto...

Effettivamente non mi piace il fatto che questo governo si basi su una struttura piramidale dove il padrone comanda a bacchetta e fa cambiare idee agli "alleati".

Alleati sì, ma non sudditi! Se noi fossimo entrati in Parlamento di sicuro non ci saremmo lasciati coinvolgere in questi giochetti di potere. L'identità prima di tutto, la coerenza come valore, il coraggio di avere un'opinione stabile. Queste cose sono da me molto considerate in una persona (e quindi, per estensione, in un partito).

Mi ricordo che Bossi aveva criticato duramente e giustamente quello squallidissimo Trattato di Lisbona; è arrivato Berlusconi, li ha zittiti e subito han cambiato parere quelli della Lega. E così fa anche Veltroni che dimostra di non essere un leader ma una marionetta al servizio di Di Pietro.

Saluti.

Miryam ha detto...

Non si tratta solo di non essere d'accordo sulla struttura piramidale di una coalizione, che anch'io non approvo.
Nello specifico della situazione campana,aldilà di colpe e malaffare di tutta la classe politica,destra e sinistra e centro, che certo non nego ,nè tantomeno difendo, la beffa è che quando Prodi ha chiesto un senso di responsabilità e solidarietà gli è stato negato da Formigoni, Bossi & soci, ora invece chiesto da berlusconi hanno detto subito di si, affermando che tecnicamente e ambientalmente non vi sono rischi.
Le sembrano comportmenti da persone delle istituzioni?
A me sembrano, appunto dei quaquaraquà. Non si guarda al bene comune o alle emergenze, ma solo al tornaconto utile.
Così è per tutte le questioni.
In quanto a Veltroni, non mi sembra che si allinei troppo a Di Pietro, anzi Walter è anche troppo mite.
Se intende che non si doveva opporre a questi decreti e disegni di legge che di fatto favoriscono il premier solo perchè lo fa anche Tonino, credo proprio che si sbagli. Gli elettori del centrosinistra, che non sono pochi, non gliel'avrebbero perdonato.
Saluti cordiali.

"L'uomo è uomo quando non è testardo. Quando capisce che deve fare marcia indietro e la fa. Quando riconosce un errore commesso, se ne assume le responsabilità, paga le conseguenze e chiede scusa. Quando riconosce la superiorità di un altro uomo e glielo dice. Quando amministra e valorizza nella stessa misura tanto il suo coraggio quanto la sua paura." (da "Il Sindaco del Rione Sanità" Eduardo De Filippo)

Un pò di cambiamenti

Curando un altro blog di politica "La sinistra che Vogliamo " insieme ad un gruppo di amici blogger,questo blog è in effetti una "fotocopia" dell'altro.Per tale motivo ho deciso di apportare alcuni cambiamenti soprattutto nei contenuti.
La politica analizzata criticamente,secondo il mio punto di vista, sarà sempre presente ma,accanto ad essa cercherò di discutere anche di altre tematiche che riguarderanno la società e l'individuo,il pensiero speculativo antico e moderno,i problemi del nostro tempo che possono anche travalicare il campo della politica come "fatto" in se.
Spero di essere compresa da chi mi legge
B L O G I N
R I S T R U T T U R A Z I O N E

VASCO ROSSI _BASTA POCO_